La notizia

Bibite, birre e gelati: vendite giù del 10%. E non decollano neppure le angurie e i meloni, dice l’osservatorio dei supermercati “Gigante”. @ Entra in crisi il Food Delivery con profitti sempre più risicati: le tre piattaforme italiane aumentano le commissioni ma riducono i compensi ai rider (E sarà questa la strategia giusta per tornare a correre. Il dubbio è d’obbligo. NDR) @ Il mondo della ristorazione ormai è un affare da donne, titola Libero di sabato che celebra Viviana Varese, la chef n. 1 de IlGolosario ristoranti (corona rossa unica) che ha vinto anche il premio tra i 25 chef più influenti nel mondo gastronomico italiano per Forbes  La premiazione della prima edizione dei Forbes Most Powerful Chef si è svolta nelle cantine Bellavista a Erbusco. @ Il Pil italiano è salvato dal Turismo, per un 2024 da record, dicono i dati di Confcommercio: oltre mille euro a testa per partenze che interessano 29 milioni di vacanzieri. (Repubblica). Ma secondo Bruno Villois, il turismo record si deve alla fascia “5 stelle” (Il Giornale di domenica). @ Langhe, Roero e Monferrato raddoppiano le compravendite di case e le presenze, dopo 10 anni dal riconoscimento Unesco. E’ il risultato di uno studio che ha interessato 200 comuni dove si evince che il Monferrato (forse anche grazie a Golosaria. NDR) ha avuto un incremento del 325% di arrivi in 10 anni. @ Il turismo in Trentino, intanto, fa i conti con gli orsi: sono 98 gli animali censiti e molti turisti hanno già dato l’addio alle passeggiate nei boschi (Avvenire domenica) @ Tragedia in Valle d’Aosta: Cogne isolata per la strada regionale distrutta e 60 turisti sono stati trasportati in elicottero. Acquedotto distrutto, evacuate 600 persone per l’esondazione del torrente Grand Eyvia. Paura anche a Cervinia  e a Macugnaga ed oggi il meteo avverso si sposta in Veneto. @ Intanto Roma fa i conti coi 35 milioni di turisti attesi per il Giubileo, con una città spesso in tilt per sporcizia, traffico e scarsità di taxi (La Stampa).

Le filiere, l'Etna, il Carpionato del mondo

Asse Coldiretti-Filiera Italia e Cassa Depositi Prestiti. L’accordo, a sostegno delle filiere strategiche del settore agroalimentare è stato siglato a Venezia nell’ambito della giornata del Villaggio di Campagna Amica. @ Sull’Etna i produttori vitivinicoli mettono un freno agli impianti: solo 50 ettari l’anno nel triennio 2024-2027 ed ogni singola azienda potrà crescere solo di un ettaro l’anno. L’Etna oggi conta su un vigneto di 1.500 ettari per 220 aziende (è il 90% rappresentato dal Consorzio di Tutela) che producono 6 milioni di bottiglie (il 60% esportato). Altro dato evidenziato da Andrea Zaghi su Avvenire di domenica è il valore di 10 volte superiore generato da ogni bottiglia. @ Pio Cesare rilancia incentivando la produzione di vino bianco, oltre a Sauvignon e Chardonnay anche il Timorasso. La cantina investe 10 milioni di euro per triplicare la cantina e Federica Boffa Pio non rinuncia alla sua passione: il Vermouth secondo la ricetta di nonna Rosy. (Corriere della Sera) @ Angurie e meloni a rischio: il meteo congela le produzioni (L’Arena di Verona) @ La Dieta Mediterranea salverà il pianeta. E’ il tema di Stefano Pisano, sindaco di Pollica, nel suo intervento pubblicato domenica su La Stampa dove parla di un potenziale in gran parte inespresso, nonostante venga utilizzata come leva del marketing. Eppure è la via da seguire (come attestò Ancel Keys studiando la popolazione di Pollica) occorre trasformare un semplice gesto come quello di mangiare, in un atto rivoluzionario. @ Giorgio Calabrese su Avvenire di domenica esalta la merenda, da non confondersi con l’apericena che si svolge in un orario diverso dalla merenda, con inevitabili conseguenze. Ed anche la merenda sinoira piemontese (che forse è l’antenata dell’apericena, no ? NDR) @ Al via il “Carpionato del mondo”: da oggi al 15 settembre si celebra a Torino e in Piemonte il piatto estivo per eccellenza, realizzato con aceto di vino bianco e salvia. @ Su La Verità, Gemma Gaetani oggi parla dei liquori fatti in casa: dal Nocino al Limoncello al Fragolino di Rovigo. 

Ho capito bene?

La cozza più buona nasce sotto la piattaforma dell’ENI a Marina di Ravenna, in un mare in cui l’Asl certifica la pulizia, tanto che l’area ospita anche le tartarughe di mare (Adnkronos, da cui è tratta l'immagine) @ Intanto in Abruzzo non c’è pace per gli arrosticini: Confagricoltura vorrebbe l’IGP, mentre Coldiretti invoca la DOP per garantire l’origine 100% abruzzese degli spiedini di ovino. 

L'assaggio

E’ al ristorante Da Bacco e Arianna di Trezzano sul Naviglio (Mi) per gustare baccalà mantecato, patate al limone candito e pops di pecorino, ravioli alla pappa al pomodoro, vongole e gocce di peperoni rossi e ritto misto del mare e dell’orto in una leggerissima tempura . Un’ottima sosta raccontata da Luca Ligabue su IlGolosario.
 

Il vino

E’ l’Erbaluce di Caluso spumante “Calliope” 2019 di Cieck, cantina di San Giorgio Canavese (To). Ha colore paglierino, naso molto intenso con note di crosta di pane e frutta gialla che si evolve in esotica. C’è ananas in bocca,  agrumi fra cui cedro, limone. In bocca lascia una scia sapida e asciutta.