A Chambave, a Fénis e in altre località per godere dello splendore di fine estate nelle montagne valdostane

SABATO 25 E DOMENICA 26 SETTEMBRE 2021

A Chambave, andrà in scena la

FESTA DELL'UVA

(Féta di Resén)
Il moscato bianco di Chambave è senza dubbio uno dei bianchi più famosi della Valle d’Aosta. In suo onore si rinnova l’appuntamento più importante per la comunità del paese: la Festa dell’uva, anche nota come Féta di resén.
Nella giornata di sabato appuntamento con Borgo di Vino sur place, degustazione di vini con piatti preparati da Chef dell’Associazione Cuochi Valle d’Aosta e Banco d’Assaggio di vini partecipanti al Concorso enologico internazionale Città del Vino 2021. Intrattenimento muiscale a cura di Philippe Milleret.
La domenica inizia con l’esposizione dei grappoli d’uva bianca e nera all’interno di cestini guarniti artisticamente e ispiratisi al tema della coltivazione della vite; i migliori verranno premiati da esperti viticoltori. La giornata continua con la messa, le premiazioni delle uve, per poi proseguire con il pranzo presso il padiglione Pro Loco e nel pomeriggio Concerto del Centenario della Banda Musicale di Chambave.
Le curiosità gastronomiche vengono proposte ogni giorno presso il ristorante allestito dalla Pro-Loco, nell’area sportiva S. Laurent de Mure.
Non mancano serate danzanti, laboratori e mostre a tema.
Per info e programma Pro-Loco CHAMBAVE  - tel. 340 8426287
info@prolocochambave.org
www.prolocochambave.org
Dove dormire: Bookingvalledaosta chambave.jpg

CASTELLO IN FIERA A FENIS

In una location da favola come il Castello di Fénis e i suoi dintorni, saranno presenti tante piccole realtà artigianali e produttive del territorio accompagnate da musica, spettacolo e buon cibo.
Passeggiando ai piedi e tra le mura del Castello di Fénis, che aprirà le porte delle sue corti interne in via eccezionale, potrete scoprire gli oltre 80 stand di artisti, artigiani e produttori che offriranno una grande varietà di prodotti e servizi. Nel rispetto delle norme di sicurezza anti Covid artisti, artigiani e produttori offriranno un’ampia scelta di prodotti ai visitatori.
Non mancherà poi l’intrattenimento: giocolieri, giullari, equilibristi, esibizioni con il fuoco e campo di falconeria con esibizioni di volo si alterneranno durante tutta la manifestazione per allietare i visitatori.
Per i più piccoli saranno a disposizione truccabimbi e bolle giganti di sapone, dei laboratori a tema presso il Mav, il Museo di Artigianato di tradizione Valdostano e presso la Fiera, con il laboratorio gioca con la cera.
Sarà possibile inoltre assaporare la vita di un tempo immergendosi in un tipico accampamento medievale.
Per conoscere meglio Fénis verranno proposte ai visitatori delle passeggiate in compagnia di una guida della natura alla scoperta di angoli suggestivi e magari sconosciuti nelle vicinanze del castello.
Per info: Associazione A' côté... du château
acoteduchateau@gmail.com - www.acoteduchateau.com< fenis.jpg

PLAISIRS DE CULTURE

In concomitanza con le “Giornate europee del Patrimonio”, Plaisirs de culture propone una serie di attività di promozione e valorizzazione del patrimonio e delle tradizioni culturali della regione Valle d’Aosta.
Un calendario ricco e variegato invita alla scoperta, o ri-scoperta, di numerosi siti archeologici, beni culturali, musei e collezioni distribuiti sull’intero territorio della regione, alcuni dei quali normalmente chiusi al pubblico oppure oggetto di lavori e ricerche.
In questo periodo l’ingresso a buona parte delle mostre, dei castelli e dei siti archeologici è gratuito o a tariffa ridotta.
Inoltre vengono organizzate visite guidate, conferenze e attività pratiche per bambini e famiglie. Un’ottima occasione non solo per appropriarsi di un patrimonio prezioso, ma anche per godere dello splendore di fine estate nelle montagne valdostane.
Il tema individuato per l’edizione 2021 Heritage All Inclusive – Patrimonio culturale tutti inclusi! ha l’obiettivo di includere nell’esperienza culturale quelle fasce di utenti che, per le ragioni più diverse, non si avvicinano o frequentano poco i luoghi della cultura. La sfida è quella di aiutare questi potenziali visitatori, persone fragili, con disabilità, o minoranze etnico-culturali, a superare le diverse barriere che, più o meno consapevolmente, si frappongono tra loro e l’offerta culturale del territorio.
Per info e programma: link

palisir.jpg