Entrare nel laboratorio di Viganotti è un po’ come fare un tuffo nel passato. I macchinari utilizzati sono ancora quelli originali di fine Ottocento, mentre il bancone in legno e le piastrelle profumano di antico, nel segno del cioccolato. Non soltanto cioccolato buonissimo, che si dispiega in una produzione di tavolette e praline (tra cui boeri, croccantini, liquorini e cremini), ma anche zuccherini, dragées, gocce di rosolio, ginevrine e marron glacé. Da qualche anno, l’attività artigianale di Alessandro Boccardo (e suo figlio Eugenio) si è arricchita di nuovi sapori. Infatti, alla produzione cioccolatiera, si affiancano oggi una caffetteria-pasticceria dove gustare torte, paste, croissant, pandolce genovese (alto e basso), pandoro e il Pan di Romeo (il panettone di Viganotti proposto in diversi gusti) accompagnati dal caffè di propria torrefazione - e gelateria: 40 gusti a rotazione, tutti unici, particolari e ricercati. Top Pasticcerie Golosario 2020