Friuli Grave “Brumal“ (r - merlot, refosco dal peduncolo rosso) - Venezia Giulia “Naos“ (r - refosco dal peduncolo rosso, merlot, cabernet franc)
TOP HUNDRED Friuli Sauvignon “Braida Santa Cecilia”

Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario

Testo publiredazionale

La storia di quest’azienda è quella di una famiglia, i Pittaro, che dal 1880 si occupa di viticoltura. Inizialmente con Romano che fu l primo a introdurre i vitigni d’Oltralpe; quindi il figlio Angelo in viaggio tra il Friuli e il Venezuela per espandere l’impresa di famiglia, quindi i nipoti Loris, Bruno, Mauro e Paolo che sono oggi al timone di questa cantina che può contare su 120 ettari di vigneti distesi tra le provincie di Udine e Pordenone all’interno della Doc Grave del Friuli. Note per l’originalità della composizione del terreno, le Grave sono il risultato del deposito millenario di materiale calcareo-dolomitico portato a valle dalle alluvioni del Tagliamento. Si tratta di una zona riparata dalle montagne dai freddi venti provenienti da nord e accarezzata dalla brezza leggera del mar Adriatico, con un microclima particolarmente adatto per la coltivazione della vita. Cuore di quest’azienda il Castello, una costruzione imponente, immersa nel verde, con spazi aperti sulle vigne dedicati all’accoglienza degli ospiti e dei winelovers provenienti da tutto il mondo. Qui ci sono anche le cantine aziendali con l’imponente e scenografica barricaia realizzata secondo i più moderni canoni della bio edilizia con materiali naturali e riciclabili e a fianco la cella di appassimento dove sono riposti i migliori grappoli selezionati manualmente. Le linee dei vini sono principalmente tre: gli spumanti, che annoverano soprattutto Prosecco (brut ed extra dry), Ribolla Gialla brut, un interessante Rosè Extra Dry e una Malvasia spumante dolce. quindi li vini d’annata che rappresentano tutto lo specchio della produzione aziendale: Chardonnau, Friulano, Malvasia, Pinot Grigio, Ribolla Gialla, Traminer Aromatico, Verduzzo friulano e Sauvignon, tra i bianchi, mentre nel numero dei rossi si contano Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot e Refosco. Le riserve sono quattro: il bianco Tureis, i rossi Brumal e Naos e il dolce Angelo.