Quando inizia l'invecchiamento dell'olio extravergine d'oliva, quali sono gli indizi di una cattiva conservazione e come evitare che si guasti

È da poco terminata la campagna di raccolta e molitura dell'olio d'oliva 2022 e sulle nostre tavole inizia a comparire l'olio della nuova annata che sarà ricordate tra le più complicate a causa delle bizzarrie del clima e delle difficoltà dovute al caro materie prime. L'olio diventa così sempre più prezioso e per questo bisogna fare attenzione a non sprecarlo, soprattutto quando prodotto da oleifici e aziende agricole come quelle raccolte sul Golosario (https://www.ilgolosario.it/mosaic/it/oleifici).
Il primo passo per non rovinarlo è seguire tutte le accortezze per una corretta conservazione. Su questo tema, il mantra che viene ripetuto è sempre lo stesso: al buio, lontano dalle fonti di calore e con la bottiglia lasciata aperta il meno possibile per non far prendere aria al contenuto. Indicazioni valide che hanno una ragione chimica ben precisa. Vi spieghiamo quale.

Il fattore tempo... è negativo
L'impronta aromatica e gustativa dell'olio dipende dalla composizione relativa alla parte delle sostanze fenoliche e antiossidanti che rendono unico l'olio d'oliva. La maggior parte delle caratteristiche gustative peculiari come amaro, astringente e piccante sono correlate alla quantità di fenoli contenuti. Gli oli appena prodotti hanno una maggior concentrazione fenolica e un sapore più intenso che si esprime nei campioni più giovani con il caratteristico fruttato. La perdita di queste sostanze è lenta ma progressiva e avviene durante l'immagazzinamento. Diminuendo il numero di polifenoli presenti, i sapori si attenuano. Il profilo fenolico dell'olio subisce una degradazione con il passare dei mesi: ecco perché sarà impossibile avere un olio invecchiato. Corrette condizioni di conservazione possono rallentare questo processo, ma non bloccarlo del tutto. Il primo consiglio è consumare l'olio entro il termine minimo di conservazione indicato dal produttore: dopo non sarà sgradevole, sarà semplicemente meno buono.
olio-olive_versare.jpgAnche l'occhio vuole la sua parte
Durante il processo di molitura, dal frutto vengono estratti anche i pigmenti che conferiscono il colore all'olio d'oliva e che sono a loro volta sensibili alla degradazione. In particolare per l'olio hanno rilevanza la clorofilla e i caroteni. I carotenoidi tendono a degradarsi naturalmente durante l'immagazzinamento in base a una reazione che viene accelerata dalla presenza di luce, ossigeno e calore. Inoltre, bisogna considerare che la degradazione dei carotenoidi ha come conseguenza negativa una più rapida ossidazione dell'intero prodotto. Anche le clorofille costituiscono un acceleratore dell'ossidazione in presenza della luce; al contrario al buio hanno attività opposta e quindi antiossidante. Da qui un secondo importante accorgimento nella conservazione cioè l'assenza di luce. Non è un caso che le bottiglie di olio extravergine di oliva siano solitamente in vetro scuro, mentre invece per altri oli - meno ricchi di queste sostanze - questo non sia necessario.
olio-oliva_bottiglie.jpgIl fastidioso odore di "rancido"
Se gusto e colore dell'olio possono darci un primo importante indizio sullo stato di conservazione dell'olio, il profumo è un marcatore ancor più significativo. Le sostanze aromatiche si sprigionano dal momento della rottura delle membrane cellulari delle olive, quindi durante e dopo la lavorazione. Si parla di flavour dell'olio per indicare quelle molecole che chimicamente sono contraddistinte dalla presenza di 5 o 6 atomi di carbonio e che si tradurranno al naso con sentori di fruttato, di foglia, di mandorle, di carciofo. A seguito dei processi ossidativi e fotossidativi e della conseguente degradazione degli acidi grassi, il flavour diventa off flavour cioè quell'insieme di difetti sensoriali che chimicamente corrispondono a molecole più grandi con un numero di atomi di carbonio che spaziano dai 6 agli 11. Tra questi, il nonale è responsabile del sapore di grasso e cera ed è un ottimo marcatore dello stato di ossidazione dell'olio.
Durante il processo di ossidazione degli acidi grassi si formano, inoltre, altre sostanze volatili sgradevoli indicate tra i principali responsabili di quell'odore definito come rancido che rappresenta uno dei principali difetti attribuiti a un olio di oliva mal conservato. Quindi non si tratta di un unico odore, ma di un insieme di sensazioni sgradevoli che si mescolano e che possiamo contrastare attraverso una corretta conservazione.
Oltre alla luce e al calore, infatti, bisogna evitare quanto più possibile che il nostro olio prenda aria. Per questo è necessario utilizzare contenitori della grandezza adatta alle nostre abitudini di consumo, consapevoli che la bottiglia è spesso la soluzione migliore rispetto ad altri contenitori più grandi ,ma che rischiano di incamerare troppa aria con il passare dei giorni.

ilGolosario 2023

DI PAOLO MASSOBRIO

Guida alle cose buone d'Italia

ilGolosario Ristoranti 2023

DI GATTI e MASSOBRIO

Guida ai ristoranti d'Italia