Fondata in Canton Ticino nel 1890, rilevata nel 1992 da Massimiliano Belotti, quest’azienda trova nuovo slancio nel 2010, quando Massimiliano condivide con Cristina Bovati il progetto di creare prelibatezze partendo da materie prime d’eccellenza. Il fiore all’occhiello sono le mostarde, da quella di agrumi (limoni, pompelmo rosa, cedro, clementine e arance) a quella di pomodorini ciliegini con capperi cucunci, frutti tropicali (ananas, mango e papaya) e verdure, oltre a due “classici” come la mostarda alla vicentina e la mostarda alla cremonese con mandorle e cachi canditi. Ma ci sono anche mostarde “territoriali”, che raccontano l’Italia: come quelle al panettone e al pandoro, la mostarda delle Cime, delle Signorie, delle Torri e delle Vigne. Da provare la senape e la giardiniera in aceto di mele.