La Spalla cotta di San Secondo è un salume tradizionale parmense realizzato con un taglio pregiato della carne, ottenuto mantenendo i muscoli della spalla del suino uniti alla scapola e alla coppa. La lavorazione viene fatta quasi completamente a mano: si inizia con la rifilatura, poi la spalla rifilata viene cosparsa di sale e aromi naturali (pepe, cannella e noce moscata) e massaggiata più volte nell’arco di tre settimane. Dopo avere asportato l’osso, la coppa viene legata a mano e fatta stagionare in cantina per circa 30 giorni a seguito dei quali si passa alla cottura a vapore. Il risultato è un salume tenero e saporito. La spalla cotta è la specialità dei Fratelli Grossi, Andrea e Giampietro che, ancora giovanissimi, nel 1986 si dedicano alla produzione anche di coppe, culatelli, fiocchetti, pancette e salami. Dal 2005 però decidono di dedicarsi alla lavorazione della tipica Spalla cotta di San Secondo, che realizzano anche nella pezzatura più piccola con il nome di Spalletta cotta di Verdi, da gustare calda e tagliata a fette grossolane.