Su Avvenire Paolo Massobrio parla di colori e sapori autunnali e dell'importanza delle conoscenze che guardano al futuro

Oggi su Avvenire Paolo Massobrio è nell'Astigiano ad ammirare i colori struggenti dell'autunno e a riflettere che se i tartufi quest'anno sono quasi introvabili e a prezzi proibitivi, ci si può consolare con la bagnacaoda, un piatto antico che favorisce la condivisione.
E poi ricorda Lorenzo Corino di Costigliole d’Asti, che si è spento la scorsa settimana dopo avere dedicato la vita alla difesa dei suoli per preservarne l'integrità, creando un metodo che da lui aveva preso il nome, e che Antonella Manuli, vignaiola di Saturnia, ha applicato nei suoi terreni.
Partendo da queste riflessioni Massobrio si chiede come si possano salvaguardare e tramandare alcuni saperi che sono di interesse pubblico e quale possa essere l'ente pubblico che se ne possa occupare.

Per leggere l'articolo completo clicca qui