• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

In Valle Stura i funghi della Locanda

Giuliana Bersano | 25-03-2019

Un locale tra i boschi dall'ottimo rapporto quantità/qualità/prezzo, dove si può anche pernottare in una delle 20 camere a disposizione

La Locanda Fungo Reale (tel.  0171 717039 - 0171 717010) si trova nella frazione Airale (via Fontana Canonica, 7/bis), nel Comune di Valloriate (Cn), proprio all'inizio della Valle Stura. È circondata da un grande prato con tanti alberi e un torrentello che, con il bel tempo, invita alla sosta e al riposo. C'è anche un grande orto che fornisce la verdura utilizzata in cucina. Tutt'intorno un bel paesaggio boschivo dove, in stagione, crescono fantastici funghi, che sono anche il cavallo di battaglia della cucina della Locanda.

La sala del ristorante è ampia e luminosa, semplice e ordinata, ideale anche per le comitive. La cucina è quella del territorio, basata sulle materie prime locali, anche a km 0, interpretata dallo chef Manuel Odestri, aiutato dal padre Mauro. La mamma Olga sovrintende la sala con simpatia e professionalità. Durante la nostra visita, dopo una golosa focaccia con crema di ricotta, abbiamo gustato come antipasti: raviolone ripieno di patate e funghi su purea di patate, tortino di verdure con uovo in camicia e fonduta d’alpeggio, fettine di carne cruda con funghi, insalata di funghi. A seguire, gli gnocchi di patate, le tagliatelle con il ragù o con il sugo di funghi, i cruset (una pasta tipica della Valle Stura, molto semplice, fatta con farina e acqua) e la raviola valouriana, da una ricetta di Manuel, una pasta a base di farina di frumento e di grano saraceno con ripieno di torta di patate e spezie, condita con il burro fuso.

Al secondo, trovate oltre ai funghi cucinati in svariati modi, tanta carne con arrosti, cinghiale al civet, coniglio, selvaggina e agnello sambucano.
I dessert sono classici e ben fatti: panna cotta, bunet, semifreddo all'amaretto e uno stragoloso dolce a forma di... fungo!

La carta dei vini è ampia e parla soprattutto dialetto piemontese. Per chi lo desidera c'è la possibilità di pernottare in una delle 20 camere a disposizione.

Vale la sosta per le portate ben cucinate, in porzioni generose e dall'ottimo rapporto quantità/qualità/prezzo e perché, ne siamo certi, qui starete bene.

Il Gatti Massobrio

DI PAOLO MASSOBRIO

Il Taccuino dei Ristoranti d'Italia 2018

ilGolosario ristoranti

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn