• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

Al Tasteit di Torino degustazioni di pizze gourmet e pizze classiche

Silvana Delfuoco | 08-08-2018

Da non sottovalutare le proposte di carne e di pesce e i dolci accattivanti

Ha aperto da poco proprio a Torino a fianco della Dogana Vecchia (in via Corte d’Appello, 2 - tel. 01119640134), luogo prediletto da Mozart nei suoi frequenti viaggi in città, questo TASTEIT Italian Excellence Gourmet, terzo locale dopo quelli di Modena e Reggio Emilia: un chiaro invito ai turisti, soprattutto stranieri, qui finalmente non soltanto di passaggio.

Il caso vuole però che a Torino questo nome abbia anche il suono familiare (tasté, assaggiare) del dialetto di casa. E, proprio come in una casa ospitale, qui è possibile cenare fino a tardi, sempre ben accolti dalla sorridente disponibilità di Domenico.

Arredi minimal, giocati sul bianco e nero, e qualche divertente quadro alle pareti fanno da sfondo al legno chiaro dei tavoli delle due salette collocate, in attesa del prossimo dehors, al pian terreno e al primo piano del locale. Un’essenzialità cui invece si contrappone l’interessante diversificazione dell’offerta tra pranzo e cena.  

La scelta vincente del menu serale sono le degustazioni di “pizze gourmet”: materie prime di ottima qualità sia per gli impasti (Farine Petra del Molino Quaglia), che vanno dagli  integrali a  versioni più insolite come quella al nero di seppia, che per le farciture, che offrono varie proposte, anche in omaggio  alle tradizioni locali. Così abbiamo potuto assaggiare, tra le altre: la Tataki con tonno in crosta di pistacchio di Bronte, stracciatella di Gioia del Colle e Cipolla rossa di Tropea caramellata all’aceto balsamico di Modena; la Tartare di Fassona condita con capperi e olive taggiasche, stracciatella e aromatizzata al tartufo; l’ottima e originale Acciuga al verde con impasto al nero di seppia, stracciatella, peperone, acciughe del cantabrico e salsa verde. 

Per i nostalgici della tradizione non mancano però anche le “pizze classiche”, tra le quali abbiamo apprezzato quella – davvero buona – alle acciughe del mar Cantabrico. 

Da non sottovalutare inoltre, tra le varie meraviglie da degustare, né i secondi di pesce e di carne – ottime sia la tartare di mare sia la tagliata di fassona piemontese – né gli accattivanti dolci, come l’eccellente  scomposta di millefoglie. 

Il pranzo, invece, prevede, oltre alle pizze classiche ma soltanto nelle versioni margherita e marinara, un’offerta di menu fisso (da uno a tre piatti) o l’insalatona. Una vera chicca infine, che non ci siamo persi, sono le tagliatelle fresche con il ragù bolognese: un omaggio alle origini dello chef.
Il tutto accompagnato da un’interessante carta dei vini, che comprende anche le offerte a bicchiere e le birre artigianali.
Corretto rapporto qualità/prezzo e buono anche il caffè. 

Il Gatti Massobrio

DI PAOLO MASSOBRIO

Il Taccuino dei Ristoranti d'Italia 2018

ilGolosario ristoranti

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus