• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

Sine, che capolavoro il risotto Milano/Napoli!

Marco Gatti | 31-01-2019

Ambiente di eleganza moderna, servizio "smart" e la sfida della cucina "gastrocratica" di chef Roberto di Pinto. Sarà famoso. Da provare!

Sine, in latino, ovvero senza, in italiano. Bene, questa new entry della ristorazione milanese e della nostra guida IlGolosario Ristoranti del GattiMassobrio, che è Sine (viale Umbria 126 - tel. 0236594613) l'insegna l'ha azzeccata, perché, senza, appunto, questo "ristorante gastrocratico" oggi non si può più stare.

Sine in realtà è la sfida di Roberto di Pinto - a 16 anni garzone da Scaturchio a Napoli, poi in giro per il mondo in cucine di grande prestigio, quindi di nuovo in Italia, a Firenze e Milano, ancora all'estero, a Parigi, con Beltramelli, allievo di Gualtiero Marchesi e Ferran Adrià, e da ultimo chef executive al Bulgari - che forte delle sue esperienze, ha deciso di tentare una strada tutta sua, provando a rendere accessibile a tutti la cucina d'autore.

L'ambiente è di eleganza moderna, e nella nostra visita, abbiamo visto, piace sia al pubblico dei golosi navigati, che pur non trovando arredi sfarzosi apprezza comunque luce, arredi di design e informalità della mise en place, sia ai giovani (il pubblico che - evviva! - questo locale si ripromette di conquistare tanto da aver dedicato un menu a 35 la sera del martedì agli under 25), che nell'atmosfera newyorchese della sala, si sentono a loro agio, superando l'imbarazzo che spesso provano in ambienti di freddezza un po' museale.

Il servizio è veloce e "smart", con l'ottimo Alfonso Bortone che vi darà il benvenuto con olio extravergine e pane del sommo Longoni, e cui potrete affidarvi per avere i migliori abbinamenti, se vi va, anche a bicchiere.

La vera "bomba", la sorpresa più entusiasmante, quello attorno a cui tutto ruota, la cucina, splendido e goloso mix di tradizione e creatività, con piatti che raccontano in modo emozionante le origini partenopee dello chef, ma interpretano anche con fantasia il meglio della cultura gastronomica dei due paesi leader del gusto, Italia e Francia. Deciso quindi se seguire il menu Gastrocratico (5 portate a 45 euro) o "Piacere Roberto" (7 classici dello chef a 75 euro), o se "pescare" alla carta, in ogni caso non fatevi sfuggire la pizzetta fritta friarielli crudo di tonno e agrumi, quel risotto Milano/ Napoli che per noi è stato una folgorazione (uno dei migliori piatti di questi mesi!) e che vale il viaggio, poi pesce, con rombo cardoncelli e zabaione di mare, carne, con coniglio all'ischitana, per chiudere poi con il ghiotto Sacro e profano, che è delizioso babà al rhum servito con sfizioso gelato al pop corn.
Guagliò, di questo "Sine" si sentirà parlare!

Il Gatti Massobrio

DI PAOLO MASSOBRIO

Il Taccuino dei Ristoranti d'Italia 2018

ilGolosario ristoranti

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn