• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

Filippo La Mantia: grande!

Paolo Massobrio | 26-01-2016

Il clamoroso locale di Filippo La Mantia a Milano: al piano terra c’è lo spazio lounge, al piano superiore il ristorante dove gustare i sapori della cucina siciliana tradotti in proposte intriganti

Il locale di Filippo La Mantia in piazza Risorgimento a Milano (Filippo La Mantia - Oste e cuocotel. 0270005309) è semplicemente clamoroso. Ci arrivi con l’auto e c’è un comodo parcheggio sotterraneo che sbuca proprio di fronte, là dove apriva un tempo il Gold di Dolce&Gabbana. Entri e, a parte gli invitanti tavolini di fuori, il piano terra è un immenso spazio lounge dove dal mattino presto vanno in scena colazioni ghiotte. Ma fino a sera tardi ci si attarda nei vari spazi, ampi, dove ritrovarsi con amici a bere qualcosa ma anche a mangiare velocemente. Il ristorante è al piano di sopra, in uno spazio speculare a quello sotto.

I rivestimenti dei gradini per salire sono un po’ usurati e non sono un bel biglietto, ma quando arrivi sopra le luci soffuse, i tavoli ben preparati, l’ambiente anche qui ampio è davvero bello. La cucina è praticamente a vista, nel senso che intravedi i cuochi lavorare, sia nella cucina sia nel reparto pasticceria. Ed è sempre pieno di gente, che viene qui per la cucina siciliana di questo chef, che ha tradotto i sapori della propria terra in una proposta intrigante. Prima di venire abbiamo atteso un po’ di tempo, ascoltando pareri discordanti. Ma sono i siciliani i più severi, fin troppo devo dire, dopo la nostra prova veramente avvincente. Qualche incertezza nel servizio, soprattutto quando chiedi notizie sugli ingredienti, ma per il resto chi ci serve i vini è un gran professionista e non disdegna proposte a bicchiere.

Filippo La Mantia ogni tanto esce a dare un’occhiata alla sala, e quasi sempre è attorniato da camerieri che portano in trionfo una arancina a pera che dice “mangiami”. Buono, lo abbiamo assaggiato, così come abbiamo subito ordinato il piatto simbolo, che è la caponata. Ma che dire delle frittate, eccezionali. Ora, la caponata di melanzane di cui dicevamo è servita con una salsa al Marsala “Vigna La Miccia” di Marco De Bartoli, ma c’è anche il panino con la milza “maritatu” e patatine fritte e l’ottimo sgombro panato, arrostito e accompagnato da una salsa al pistacchio. In agrodolce è il baccalà panato. La nostra frittata era con la cicorietta, la tuma persa, il cappero e l’acciuga. Imperdibile. C’era anche quella con gli spaghetti “rimasti” al sugo e caciocavallo.

Fra i primi, lo spaghetto alla Norma con ricotta salata, il pacchero al pesto di agrumi e polpettine di vitello, la busiata trapanese con le sarde, il finocchietto e la mollica di pane tostata. E il cous cous all’insalata di finocchi, arance, capperi e calamari fritti. Vorresti tutto, ma qui si deve tornare più volte in verità.

Ancora pesce fra i secondi con la ricciola agghiotta, gli involtini di pesce spada con insalatina di seppia e meloncino, le aeree frittelle di baccalà, finocchio al vapore e salsa del finocchietto (spaziale!). Piatto imperdibile è il braciolone alla palermitana con la salsa alle mandorle tostate, accanto alle polpette ai tre ragù fritte e passate nel sugo e alle braciolette di vitello ripiene con caponatina di carciofi. E l’arrosto panato con le patate a spezzatino?

Sui dolci non ci siamo fatti mancare nulla: “la nostra” sette veli con mousse al cioccolato, bavarese alle nocciole pralinate, croccante al pistacchio e biscotto al cioccolato; la cassata siciliana; il cannolo palermitano; la tortina Savoia. Da rivedere le granite, per il resto è stata un’esperienza davvero esaltante.

Filippo ha un’idea chiara: trasmettere con le sfumature degli agrumi e delle spezie una sensazione di leggerezza nei suoi piatti tradizionali. E questo fa la differenza e rende memorabile ogni boccone. Una gran bella esperienza. Una corona.

Il Gatti Massobrio

DI PAOLO MASSOBRIO

Il Taccuino dei Ristoranti d'Italia 2018

ilGolosario ristoranti

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus