• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

Nebbia, una novità interessante

Marco Gatti | 18-12-2018

A Milano, tre giovani hanno aperto un nuovo locale dove la cucina è mix sapiente di tradizione e creatività e la scelta dei vini interessante

È un velo di magia, quell’ovatta che avvolge di poesia strade e case… Dici Milano e pensi al Duomo e a Sant’Ambrogio, al Teatro alla Scala e al Cenacolo Vinciano, al risotto allo zafferano e al Panettone, a “quel ciel di Lombardia così bello quando è bello” di manzoniana memoria e alla…nebbia. 
Sì, a quella coltre morbida e fatata che sembra voler rallentare i ritmi frenetici del capoluogo lombardo, avvolgendo tutto di silenzio. E che da sempre è uno dei simboli della città. Nebbia (via Evangelista Torricelli, 15 – tel. 0282781557), però, ora, è anche l’insegna di una trattoria di moderna concezione aperta da poche settimane sui Navigli.

A dispetto del nome, il locale è luminoso, con due sale dai colori chiari, ampie vetrate, niente tovaglie e solo qualche pianta, con un ambiente che, avendo come sua caratteristica la luce, declina la scelta dei titolari di focalizzare tutta l’attenzione su cibi e vini.

Tre i giovani soci, con Federico Fiore e Mattia Grilli – amici da sempre, laurea nel cassetto per la passione per il gusto, tutt’e due gavetta ai fornelli con esperienze di pregio, tra cui, solo per citare le più importanti, il primo, con Enrico Crippa al Piazza Duomo di Alba, il secondo, con David Chang al Momofuku di Sidney – che seguono la cucina, e Marco Marone – grande esperienza nel mondo del vino, e negli ultimi anni a N’ombra de vin di Milano – in sala a coordinare servizio e cantina. 

Con bella selezione di vini, anche a bicchiere, gusterete salame di Varzi, pan brioche patè d’anatra e cipolle caramellate e tartare di razza marchigiana funghi e grano saraceno. Poi minestra di ceci e farro cozze e seppie e ‘nduja o tagliolini al tartufo bianco. Di secondo ombrina patate e carboncelli o trippa all’amatriciana. Torta al cioccolato peperoncino e mascarpone a chiudere. 

Si mangia e si beve bene, e se il buongiorno si vede dal mattino, faranno strada. È una bella novità!

Il Gatti Massobrio

DI PAOLO MASSOBRIO

Il Taccuino dei Ristoranti d'Italia 2018

ilGolosario ristoranti

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn