• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

La lumaca, regina della cucina della Rosa Rossa

Francesca Brugna | 09-11-2018

Nel cuore storico di Cherasco, quest'osteria accogliente si rivela sempre una piacevole esperienza

Cherasco di mattone, di sete e palazzi, di mura stellate e dominazione francese quando Napoleone, nel 1796, sconfitte le armate piemontesi, si stabilì in Palazzo Salmatoris. Cherasco barocca e illustre anche grazie alla cioccolateria, fin da quando, nel 1881, un giovane pasticciere cheraschese, di ritorno da un apprendistato a Torino, fondò la pasticceria Barbero e vennero prodotti per la prima volta i baci omonimi.

Cherasco come città d'elezione della lumaca e punto imprescindibile nel campo dell’elicicoltura. La storia di questa suggestiva cittadina si dipana tra le sale del Museo Civico “G.B. Adriani” – dedicato all’archeologia e alla raccolta di medaglie – e alle testimonianze dell'importante presenza, fin dal ‘500, di una fiorente Comunità Ebraica, attiva soprattutto nel commercio della seta e dei tessuti. Palazzo Genna di Cocconato fu il fulcro della Comunità, con l'istituzione del ghetto da parte dei Savoia nel 1740 e la costruzione della sinagoga, la quale conserva ancora arredi barocchi e un'atmosfera raccolta e intima.

In via San Pietro, poco distante dal luogo del nostro pranzo, la parrocchiale omonima è una tra le più antiche chiese cittadine, citata già nel 1259 e la Rosa Rossa (al civico 31 - tel. 0172 488133), piccola e ottima osteria, vi accoglierà nelle moderne sale con tanta disponibilità. Circondati da particolari d'arredo di grande effetto, già il benvenuto dalla cucina – composto da insalata russa e piccola bagna caoda con verdure croccanti – vi faranno intuire subito la mano sicura. Ma sarà con la cipolla al forno ripiena di salsiccia e amaretti con fonduta di Taleggio e l'insalatina di ovoli che il pranzo prenderà un avvio deciso sulla strada dell'equilibrio e del grande gusto.

I primi piatti rendono equamente omaggio sia alla tradizione – con i tajarin fatti in casa con ragù di salsiccia – che alla lumaca, regina nello spaghettone di Gragnano alla carbonara di lumache. Stessa direzione anche nelle pietanze, dove la lumaca ritorna alla parigina con porri di Cervere o nella guancia di vitello brasata al Barolo, cavolo viola stufato e polvere di lampone. Prima della panna cotta con arachidi salate – che immaginavamo però più decisa e corposa – gustiamo golosissimi cioccolatini con ripieno al mou salato, all'amarena e un assaggio di cheese cake rivisitata.
Sempre una piacevolissima esperienza!

Il Gatti Massobrio

DI PAOLO MASSOBRIO

Il Taccuino dei Ristoranti d'Italia 2018

ilGolosario ristoranti

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn