Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

Berette, il capolavoro che non ti aspetti

Marco Gatti | 29-07-2018

Un grande bianco, dalla cantina La Ricolla di Ne, realtà che sarà famosa!

«Sono soddisfatto dello sblocco del provvedimento per il vino che era fermo da tempo. Impegno mantenuto. Ora tocca alle imprese. Quello di oggi è un passo importante per cominciare a costruire una nuova strategia di settore. Siamo il primo produttore mondiale di vino e i nostri prodotti sono ovunque sinonimo di eccellenza ma tutto questo non basta».

Così, il Ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio, dopo la pubblicazione del decreto per la presentazione dei progetti relativi alla campagna 2018/2019 e le modalità attuative della misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi” dell’Ocm Vino i cui progetti dovranno pervenire entro il 25 settembre. Un decreto che eroga contributi ai produttori di vino, a copertura del 50% delle spese, per la realizzazione di attività di promozione presso Paesi extraeuropei per un totale di circa 100 milioni di euro.

«Serve uno sforzo in più – ha concluso il Ministro – servono risorse mirate. Perché per andare sui mercati internazionali la promozione è fondamentale. Noi vogliamo aiutare le nostre imprese in questa operazione, essere al loro fianco, diminuendo la burocrazia e investendo ancora di più sulla differenziazione dell’offerta e sulla qualità, due elementi che rendono uniche le nostre realtà vitivinicole e non solo».

Nel mare di fake news e notizie negative, una buona notizia, che riguarda il mondo del vino. A questo passaggio importante, brindiamo con un vino identitario, di straordinaria personalità, riassaggiato in quel luogo del gusto che è orgoglio italiano che è La Brinca di Ne. Con i grandi Circella, nel bicchiere, il Colline del Genovesato Bianco Berette de La Ricolla di Ne. Già nostro Top Hundred, lo abbiamo trovato ancora più entusiasmante, grazie al lavoro fatto da Daniele Parma con quei due grandi che sono Sergio Rossi e Sergio Circella. Berette, dal detto ligure, “Cuanto ti gou lasci inse e berette”, ossia “Quanto tempo lo lasci sulle bucce”, che anticipa l’unicità della sua personalità. Vermentino in purezza, nel bicchiere, si propone con veste aurea, con brillante colore giallo oro, con profumi di grano e avena, rinfrescanti note agrumate e sentori di frutta gialla, mentre al palato è fresco e sapido, con nota minerale che conquista, e finale lungo e armonico. Questa è la nuova Liguria che può andare sui mercati di tutto il mondo! Grande!

ilGolosario 2018

DI PAOLO MASSOBRIO

guida alle cose buone d'Italia

ilGolosario negozi

Scarica subito l'APP

TAGS
CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus

Mossi Az. Agr. Vitivinicole

Mossi Az. Agr. Vitivinicole

Mossi 1558 - Storie di vite

Documenti ufficiali attestano che fin dal 1558, in Località Albareto, la famiglia Mossi coltivava uva e produceva vini tipici piacentini. Nel giugno 2014, l’azienda è stata rilevata dalla famiglia Profumo con l’intento di portare avanti la tradizione della cantina, unitamente ad un progressivo rinnovamento delle tecniche e dei processi di produzione, al fine di perfezionare i prodotti esistenti e crearne di nuovi.