Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

Dos Bel, un Valgella che profuma di viola

Marco Gatti | 21-01-2015

È di Folini, nuova piccola realtà che fa onore alla Valtellina

Fatti, non parole. Quando penso alla Valtellina, mi vengono in mente le tante persone di quella terra a me care, tutte accomunate da due caratteristiche. Son poco inclini alla chiacchiera, e hanno invece forte tensione al fare. La prima cosa tipica di chi vive in montagna, la secondo molto lombarda. È il caso anche dei tanti, giovani, produttori, che da qualche tempo hanno deciso di onorare la fama di cui godono i vini valtellinesi, sfuggendo alle logiche di cassetto, e cercando di fare profitto, questo sì, ma in modo etico. Rispettando la terra. Curando le vigne nel segno della natura.

Le condizioni per fare bene ci sono tutti. I vigneti valtellinesi hanno esposizione a sud, subiscono scarse precipitazioni, godono di microclimi favorevoli, non son sferzati dai venti gelidi nordici, bensì son accarezzati primavera ed estate dalla dolce breva, che spira dal lago di Como. Tra i vignaioli veri che stanno facendo onore al territorio, Renato Folini (tel. 0342483513) di Chiuro (So). Di sé dice: «Sono un agricolo, con l’hobby della lavorazione del legno e del collezionismo (di bottiglioni!) e con il gusto di conoscere». Tutto vero, a partire da quel “Sono un agricolo”, che dice in modo semplice del suo amore per la terra, e della sua passione per la coltivazione della vite e dei campi (chè con la moglie coltivano anche un orto da cui ottengono verdura biologica). Fino al “gusto di conoscere”, che, nel suo caso, ad esempio ha voluto dire diplomarsi sommelier per avere le competenze giuste per valutare le sue produzioni.

Morale, in una sua vigna che cura con pazienza certosina, nasce il Dos Bel (dal nome del vigneto), Valtellina Superiore Valgella. È un grande rosso, che ha il gusto dell’autenticità. Rubino tenue, al naso ha profumi eleganti di viola, note di frutta rossa, tra cui spiccano la ciliegia, i piccoli frutti, tra cui spiccano la mora e il lampone, sorso schietto, secco ed equilibrato, di buon corpo e lunga persistenza. Da provare con un grande Bitto! 

ilGolosario 2019

DI PAOLO MASSOBRIO

guida alle cose buone d'Italia

ilGolosario negozi

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn