Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Moscato d'Asti, il vino della festa

Alessandro Ricci | 22-12-2018

Con una coppa di Moscato abbiamo festeggiato fin da piccoli. E brinderemo nuovamente, anche questo Natale

È stata la nostra prima conquista. Eravamo piccoli. Un dito inzuppato di nascosto, un goccio concesso dai grandi, nei giorni di festa, quando la tavola è apparecchiata di tutto punto, i parenti riuniti. Perché il Moscato è il vino delle feste, il vino della famiglia. Al primo assaggio il nostro giovane palato ne ha apprezzato la sua peculiare aromaticità. Non sapevamo definirli, tutti i sui aromi, ma ci piaceva la sua dolcezza, che è come una coccola, e le sue bollicine, che ci grattavano il palato.

Crescendo, abbiamo imparato i termini dei grandi. Perlage, metodo Martinotti, persistenza retrolfattiva. E a riconoscere dove comincia la pesca e finisce l'albicocca, dove il glicine traslucida nel tiglio, dove il miele s'innesta di fiori di arancio. Il nostro palato è evoluto. Più che la dolcezza – che è un imprinting che ci collega ai nostri archetipi d'infanzia – siamo andati alla ricerca di quei Moscato d'Asti innervati di note vegetali: salvia e rosmarino su tutte. Un balcone di erbe aromatiche al sole d'agosto, nel bicchiere della domenica.

Ma quel che non è cambiata è la nostra passione per questo vino che è compagno di vita, simbolo di festa. E allora, tagliata la fetta di panettone, spolverato di zucchero a velo il pandoro, spaccato col coltello un bel pezzo di torrone, alziamo le coppe, e brindiamo. È il nostro legame col passato, e il miglior auspicio per il futuro.

ilGolosario 2019

DI PAOLO MASSOBRIO

guida alle cose buone d'Italia

ilGolosario negozi

Scarica subito l'APP

TAGS
moscato
CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus