Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

La rivoluzione della pizza gourmet diventa almanacco

Il Golosario | 07-11-2018

Da Pizza Up il lancio di un nuovo strumento editoriale che racconta il quarto di secolo che ha cambiato la storia della pizza

L’Università della Pizza, lanciata da Petra Molino Quaglia, diventa un’opera che gli appassionati di pizza non possono perdersi, l’Almanacco della Pizza. Si tratta di un’opera digitale a puntate annuali di nuovissima concezione, ricca di foto, video, ricette e contenuti testuali inediti, che anno dopo anno scriverà la storia della pizza contemporanea mettendo in luce il lavoro e la creatività di quei pizzaioli "di pensiero" che diventano modello da seguire. Lo scopo è fissare anno dopo anno la storia della pizza contemporanea attraverso i suoi protagonisti e le ricette destinate a rimanere delle pietre miliari, finalmente associate ai loro autori.

Nasce come opera non sponsorizzata, che si autofinanzierà con la vendita del libro, un riconoscimento duraturo verso coloro che usano anima e passione per contribuire ad uno stile di vita più sano con il veicolo di un’alimentazione naturale, gustosa e di taglio contemporaneo (cioè la tradizione decodificata in chiave moderna per tramandare la cultura gastronomica dei nostri territori). L'Almanacco della Pizza sarà edito da FUORI (testata registrata al Tribunale di Milano e diretta da Cristina Viggè) e chi vorrà leggerlo potrà abbonarsi online oppure chiedere a sue spese una stampa con copertina rigida di pregio per poterlo sfogliare fisicamente, esporlo al pubblico o conservarlo nella propria libreria. A questo link è possibile ordinarlo in pre vendita.

ilGolosario 2019

DI PAOLO MASSOBRIO

guida alle cose buone d'Italia

ilGolosario negozi

Scarica subito l'APP

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus

Mossi Az. Agr. Vitivinicole

Mossi Az. Agr. Vitivinicole

Mossi 1558 - Storie di vite

Documenti ufficiali attestano che fin dal 1558, in Località Albareto, la famiglia Mossi coltivava uva e produceva vini tipici piacentini. Nel giugno 2014, l’azienda è stata rilevata dalla famiglia Profumo con l’intento di portare avanti la tradizione della cantina, unitamente ad un progressivo rinnovamento delle tecniche e dei processi di produzione, al fine di perfezionare i prodotti esistenti e crearne di nuovi.